Alpe Cimbra Polisportiva Asd apri il menu
Ciclismo

Il fiemmese Caresia trionfa in solitaria a Passo Coe

Prosegue il “magic moment” di Gianmarco Caresia, che dopo aver trionfato otto giorni fa a Vason nella prima prova del Challenge Internazionale della Montagna, si è ripetuto oggi alla nona edizione della Mezzomonte-Passo Coe, gara amatoriale riservata ai grimpeur, con l’organizzazione affidata alla sezione ciclismo della Polisportiva Alpe Cimbra. La prova, intitolata alla memoria di Gino Mittempergher, era valevole come quarta tappa del campionato regionale individuale Acsi Trentino.

L'arrivo di Gianmarco Caresia a Passo Coe (foto Fontanari.it)
L'arrivo di Gianmarco Caresia a Passo Coe (foto Fontanari.it)

Erano 16 i chilometri da percorrere, con partenza da Mezzomonte e arrivo in quota a Passo Coe. I protagonisti annunciati non hanno deluso le attese e, di fatto, si è riproposta la sfida che aveva animato sette giorni fa la gara del Monte Bondone. Come in quel caso, lo spunto vincente è stato quello dell’atleta di Tesero in forza al Gruppo sportivo Marzola, Gianmarco Caresia, che ha capitalizzato il proprio ottimo momento di forza, staccando tutti e presentandosi tutto solo in zona traguardo.
Il vincitore ha chiuso con il tempo di 44’46”4, precedendo di 43” il secondo classificato, il perginese del team Fontanari.it Andrea Zamboni, che è stato l’ultimo a mollare la ruota di Caresia ed è riuscito a tenersi alle spalle l’altoatesino Philip Götsch, “professionista della fatica” nonché ottimo interprete delle gare in salita, terzo a 1’03”.

Gianmarco Caresia e Andrea Zamboni in azione (foto Fontanari.it)
Gianmarco Caresia e Andrea Zamboni in azione (foto Fontanari.it)

La top 5 è stampa completata dai due portacolori del Team Sildom Garda Andrea Bais e Filippo Calliari, quarto e quinto nell’ordine d’arrivo.
La gara femminile è stata vinta dalla volanese della Bici e Sport Annalisa Adami, che ha fermato il cronometro sul tempo di 59’08”.
Premiati, oltre ai vincitori assoluti, anche i primi classificati di ogni categoria, ovvero Massimo Campana del team Fontanari.it (Gentleman A), Giancarlo Bussola della Squadra ad Alta Strada (Gentleman B), Gianmarco Caresia del Gs Marzola (Junior), Andrea Bais del Team Sildom Garda (Senior A), Philip Götsch del team Fontanari.it (Senior B), Gabriele Webber del Cc Rotaliano (Super Gentleman A), Alois Vigl del team Fontanari.it (Super Gentleman B), Andrea Zamboni della Fontanari.it (Veterani A), Nicola Dalceggio del Cc Rotaliano (Veterani B), Erika Bettinazzi della 7 Watt per Kilo (Woman A) e Annalisi Adami della Bici e Sport (Woman B).
In palio c’era anche il Trofeo Osteria Coe, riservato alla prima società classificata e finito nella bacheca del team Fontanari.it.

Classifica maschile

1. Gianmarco Caresia (Marzola) 44’46”4 (media 21,44 km/h)
2. Andrea Zamboni (Fontanari.it) 45’29”4
3. Philip Götsch (Fontanari.it) 45’49”4
4. Andrea Bais (Team Sildom Garda) 46’25”1
5. Filippo Calliari (Team Sildom Garda) 48’18”4
6. Fabio Mura (Flandres Love) 49’03”1
7. Dario Lutricuso (Cicli Pederzolli) 49’05”9
8. Nicolò Fassan (Uc Limana) 49’06”1
9. Mariano Mazzarini (Fontanari.it) 49’08”1
10. Giancarlo Bussola (Squadra ad Alta Quota) 49’30”6
11. Pierluigi Cennamo (Isolpi Racing Team) 49’47”4
12. Loris Casna (Fontanari.it) 50’47”9
13. Tarcisio Linardi (Fontanari.it) 59’48”1
14. Massimo Campana (Fontanari.it) 50’48”6
15. Steven Palombi (Fm Cycling Team) 51’18”4

Classifica femminile

1. Annalisa Adami (Bici e Sport) 59’08”1 (media 16,23 km/h)
2. Erika Bettinazzi (7 Watt per Kilo) 1h06’10”

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 1,125 sec.